CARESTIA CRISI E SCELTE

CARESTIA CRISI E SCELTE

Massimo Coero Borga – Briciole di Vangelo (VIDEO a fondo pagina)

CARESTIA, CRISI E SCELTE

Al tempo in cui governavano i giudici, ci fu nel paese una carestia e un uomo di Betlemme di Giuda emigrò nella campagna di Moab, con la moglie e i suoi due figli. Quest’uomo si chiamava Elimèlec, sua moglie Noemi e i suoi due figli Maclon e Chilion; erano Efratei, di Betlemme di Giuda. Giunti nei campi di Moab, vi si stabilirono. Poi Elimèlech, marito di Noemi, morì ed essa rimase con i due figli. Questi sposarono donne di Moab, delle quali una si chiamava Orpa e l’altra Rut. Abitavano in quel luogo da circa dieci anni, quando anche Maclon e Chilion morirono tutti e due e la donna rimase priva dei suoi due figli e del marito (Rut 1,1-5).

Carestia: Sempre ci sono state (e ci saranno). Dobbiamo imparare ad affrontarle come dobbiamo imparare ad affrontare tutti i problemi! Dio non ci evita i temporali ma ci dà la grazia per affrontarli e vincerli, come “Il Crocifisso Risorto”!

Emigrò: prese una decisione nella carne e non nello Spirito, attratto da Moab (paese mondano fertile).

Dal dire “Dio è il mio Re” o “Il mio Dio è Re” (Questo significa Elimèlec), restando stabile nella fede e in quel luogo (Betlemme: casa del pane) all’allontanarsi verso una terra di tentazioni e di morte.

Se Elimèlec fosse restato sotto la grazia di Dio (in Betlemme), non avrebbe dovuto temere nulla. Se Dio è RE può tutto, allora perché non fidarsi di Lui, anzichè abbandonarlo?

Stabilirsi: rendere stabile il nostro pensiero, qui purtroppo secondo la mentalità moabita: ha imparato a pensare, parlare e vivere come “il mondo”, cioè senza Dio (a Moab).

Siamo uomini e donne con FEDE o senza? Dove vai a vivere con le tue scelte?

Anche i figli (frutto della vita) faranno una brutta fine a causa della scelta frettolosa del padre. Si chiameranno MALATTIA e ANNIENTAMENTO, e difatti moriranno in terra straniera.

Che figli facciamo? Siamo figli di chi? (molto provocatorie queste due domande, ma la risposta vale la vita o la morte).

Questa donna, Noemi, ha subito la scelta del marito e si troverà senza marito e senza figli e in terra straniera: scegliamo bene affetti e amicizie, sapendo che in qualche modo ci “contageranno”.

Quando poi ci sono decisioni da prendere aiutiamo le persone (vicine, e non solo, a noi) a prenderle nello Spirito e non nella carne. I risultati saranno opposti.

Se chiediamo consigli, cerchiamo persone di Dio per poi non dover piangere sulle scelte. Impariamo anche a non subire le scelte degli altri ma il più possibile cerchiamo di essere in comunione con Dio e di scegliere con la nostra testa, anzi, col nostro cuore, in comunione col Signore.

Puoi leggere la continuazione della storia di Rut e Noemi (e la loro vittoria sul fallimento): https://www.ilcrocifissorisorto.it/rut-1/.

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *